corsivo logo 350x145

Supplemento di logoADL culture

A proposito di città turistica

Ora che sindaco di Asti e presidente della provincia sono la stessa persona sarà più facile stabilire il coordinamento tra città e territorio? Auguriamoci di sì.

Il sindaco ha annunciato un centro congressi per lo sviluppo turistico della città, per cui manca però un programma e l’intenzione di comprendendere i centri della provincia.

Il flusso turistico nel capoluogo è in aumento, soprattutto per eventi organizzati, mentre regge il richiamo enogastronomico del territorio vitivinicolo. Il cammino per rendere a misura turistica le nostre località è ancora lungo e impervio, perché siamo tagliati fuori dai transiti ferroviari, perché non è ancora diffusa una politica di accoglienza, perché il commercio qualificato in città si è ridotto e in molti paesi mancano negozi e servizi, perché è indispensabile una riqualificazione edilizia e ambientale della città e dei paesi, alcuni senza un servizio pubblico di collegamento con il capoluogo.

Manca ancora una promozione di tutto il sistema museale, oltre alle mostre temporanee, con una segnaletica adeguata e un programma di valorizzazione delle varie sedi espositive. 

Infine vanno considerati i tentativi, costosi e falliti, di un Centro congressi all’Enofila, attualmente senza una destinazione, nonostante i successivi investimenti non riusciti per adibirla a centro fieristico.

Quali sono dunque gli interventi per caratterizzare il nostro turismo in armonia con il paesaggio UNESCO?

Un complesso come la Casa di riposo, di cui si è celebrato pubblicamente il funerale, sarà un nuovo contenitore vuoto come il vecchio Ospedale e altri o è lì che atterrerà il nuovo Centro Congressi?

Articoli correlati