itenfrdeptrorues

Cristiano Ronaldo e la coca cola

di: Willy Rizzolari dal Costarica

La Coca Cola, Coke negli USA, la bevanda gassosa più conosciuta e distribuita in tutto il mondo, ha perduto in Borsa US$ 4milioni in pochi secondi. E’ bastato che il giocatore di football, Cristiano Ronaldo, conosciuto dai tifosi come CR7, in una conferenza stampa durante gli europei di calcio, chiedesse una bottiglietta d’acqua in sostituzione della conosciuta bibita, in bella vista sul tavolo degli intervistati e all’occhio attento delle telecamere e dei giornalisti.

La rapida azione di CR7 ha aperto la discussione sull’invito a lasciare le bibite gassose, contraddicendo così lo spot pubblicitario ai mondiali del 2006 in Giappone? Il gesto ha coinciso con la caduta del prezzo delle azioni della Coca Cola, che sono passate da US$56,10 a US$55,22 immediatamente dopo che i media registrassero il commento. La caduta dell'1,6% del valore nel mercato del gigante delle bevande ha fatto sì che cadesse da US$ 242.000milioni a US$ 238.000milioni.

A detta degli analisti, e in particolare di Kenneth Shea, esperto del mercato delle bevande, la caduta delle azioni, molto probabilmente, ricondotta all’attaccante della Juventus e della Nazionale del Portogallo, “non determinerà un particolare impatto nel lungo termine”. Un altro analista, Diego Mora, della XTB, segnala che “non si può mai sapere perché milioni di persone decidono di vendere un’azione”.

Bisogna però considerare la ripercussione mediatica di CR7 e la sua capacità di influenzare le persone. L’Unione delle Federazioni Europee di Football (UEFA), in un comunicato alla stampa, ha teso a ricordare che la marca Coca Cola sponsorizza anche bottigliette di acqua. Legittimamente il portavoce della Coca Cola ha dichiarato che: Qualsiasi persona ha diritto di sceglier le bevande che vuole… naturalmente oltre ai i giocatori anche gli allenatori sono liberi di scegliere le bevande che meglio ritengono per loro”.

Dopo CR7 un altro calciatore, Paul Pogba, del Paris Saint-Germain e della Nazionale Francese, nel corso di una conferenza stampa ha ritirato dal tavolo dell’intervista una bottiglietta di birra, Heineken, altra casa patrocinatrice del torneo europeo di calcio.

Questi europei di calcio non solo fanno ricordare il “sogno azzurro” della Nazionale Italiana e del bel calcio, ma apre un nuovo spartiacque di confronto dialettico tra sport, pubblicità, media e denaro.

Tags: sport, europei di calcio 2021, coca cola

 


© 2018-2021 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.