itenfrdeptrorues

La città sporca e il mondo spaziale

di: Mario Malandrone, Ambiente Asti

Da fisico mi appassionano le nuove tecnologie, è di certo un upgrade il passaggio dall’atterrare su un davanzale munito di ramazza e invece provare un macchinario che sembra preso dalla missione MARS 2020, devo ammettere che invidio il Sindaco.
Oltre però il suo provare il giocattolino, come in una nuova missione spaziale le sue affermazioni denotano onestà: "La città potrebbe essere tenuta meglio sia per quanto riguarda la pulizia sia per il verde pubblico".

Sono anni che sul verde pubblico facciamo proposte, come tornare ad un vero ufficio dedicato, ma risultano inascoltate.
A bordo del "modulo" spaziale e intento a spazzare dichiara una lapalissiana verità "E non esiste solo il centro. A riguardo ho chiesto ad Asp pulizie straordinarie e anche di dotarsi di mezzi in grado di pulire gli escrementi dei piccioni e di raccogliere i numerosi mozziconi che molti buttano a terra e che si incastrano fra i cubetti di porfido." La chiosa poi è classica, educativa: "Vero è che serve a poco ripulire se poi i cittadini non collaborano e sporcano poco dopo“.
E' certamente vero che i cittadini rispetto all'educazione civica e l'ambiente non sono certo tutti esemplari, ma una riflessione più ampia andrebbe fatta, quanto ha investito per l'educazione ambientale dei cittadini e nelle scuole il Comune?
Negli anni abbiamo chiesto e denunciato l'errore di passare dalla raccolta porta porta ai cassonetti. Eppure tutti sappiamo che i dati dei rifiuti hanno avuto grazie a Gaia un leggero incremento della differenziata, anche grazie al nuovo modo di conferire la sabbia di spazzamento, mentre sulla plastica i dati parlano di percentuali di peggioramento sia in percentuale di raccolta che in qualità.
A quando una grande campagna educativa per tutti i cittadini?
Sul verde affiorano tappeti erbosi sintetici. Chissà che non dovremo dotare il sindaco anche del Folletto.
A quando invece investimenti sul settore verde pubblico all'altezza del patrimonio di parchi e alberi della città?
Capisco che l'innovazione da illusione del futuro, ma l'ambiente vive un dramma di "Emergenza ambientale" e non basta il modulo pulitore di Star Wars.
Ben vengano le prove dei macchinari supertecnologici, ma alla città serve una quotidiana cura e attenzione dell'ambiente.

Tags: Comune di Asti, educazione, verde pubblico

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.