itenfrdeptrorues

I controlli bancari sulle mafie

di: Nicola Gratteri

"Per un nuovo modo di vivere"

Il mondo non può permettersi due pandemie. Quella del Covid 19 e quella della strapotenza sociale e economica mafiosa. Per questo più che all’oggi, il mondo deve concentrarsi sul post” coronavirus, quando stremato, dovrà fare i conti con le mafie pandemiche, che rischiano di diventare ancora più forti, cartelli messicani e ‘drangheta in testa.

Bisogna utilizzare gli inquirenti che operano sul territorio per evitare che le risorse messe a disposizione dallo Stato finiscano nelle mani sbagliate, questo è il primo per più importante passo da fare.

Poi bisogna essere consequenziali su tutto per evitare gli errori e le valutazioni che hanno consentito alle mafie di rafforzarsi durante la crisi 2007-2009, quando hanno avuto la possibilità di depositare i loro soldi – senza eccessivi controlli – nelle banche di mezzo mondo.

Ci sono livelli di mafia che cercheranno di trasformare la crisi in opportunità e quindi, nella fase 2, di questo delicato momento, investire nell’economia della ricostruzione i soldi accumulati con il traffico della droga. Bisogna tenere conto che le mafie, come la ‘ndrangheta per esempio, sono rapaci. In passato hanno sempre tratto vantaggi dalle grandi emergenze, cercheranno di farlo anche adesso.

Abbiamo la percezione che la ‘nrangheta stia diversificando raggio e natura degli investimenti. Va sempre più alla ricerca di paradisi normativi, dove è molto più facile delinquere. Per individuare la presenza della ‘ndrangheta bisogna tenere conto dei paesi offshore, di quelli che alzano più gru per costruire palazzi, di quelli che offrono sponde al necessario riciclaggio. La ‘ndragheta investe anche in settori che fino a qualche anno fa sembravano impensabili, come le criptovalute.

C’è un altro aspetto interessante, le mafie usano sempre meno la violenza e sempre più la corruzione. Le mafie non potrebbero esistere se non fossero intrecciate a poteri più visibili, come la politica. Per sciogliere un nodo così serrato non possono bastare né la magistratura né le polizie, ma serve un costante alimento etico, politico, un adeguato sostegno dello spirito pubblico e il coinvolgimento di persone e gruppi, élite e popolo per rendere concreta la convenienza della legalità e perdente quella dell’illegalità.


 (da “Gratteri: Finita l’emergenza bisogna rafforzare i controlli bancari”, intervista di Roberto Gaiullo, Il sole 24 ore, 12.04.20)

Tags: economia, coronavirus, mafie

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.