ULISSE SULLE COLLINE

Poesia, natura, musica, arte

XXVI edizione

Sabato 25 maggio 2019 - ore 15

Vinchio

itenfrdeptrorues

Il sultano del Brunei a favore della lapidazione per gay e adulteri

di: redazione

Hassanal Bolkiah, sultano del Brunei, ha inoltrato una lettera al Parlamento europeo per difendere la decisione di introdurre la pena di morte per lapidazione per i colpevoli di adulterio e sesso omosessuale: “Rendere l’adulterio e la sodomia un reato serve a salvaguardare la sacralità della discendenza familiare e del matrimonio per i musulmani, e specialmente per le donne”.

L’omosessualità in Brunei è diventata illegale nel 1984, parallelamente alla rottura del sultanato con il dominio britannico. Sino alla promulgazione della nuova legge, l’omosessualità era punibile con la prigione ma, dopo questa svolta costituzionale, la punizione si è inasprita. 

Hassanal Bolkiah ha assicurato che le condanne saranno poche, perché potranno essere eseguite solo se ad essere testimoni dei reati saranno almeno due uomini di alta statura morale e fede. In nome della difesa dei valori tradizionali del Paese e della sharia, viene richiesta all’Europa la tolleranza, il rispetto e la comprensione per questa decisione. 

L’Europarlamento ha condannato fortemente l’entrata in vigore di questo codice penale retrogrado, chiedendo a Bruxelles di ipotizzare delle sanzioni a riguardo, come il divieto di visti, l’inserimento in una black list degli hotel di proprietà del sultano, già boicottati da alcune note personalità. 

Tags: diritti, adulterio, sodomia

 


© 2018-2019 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.