itenfrdeptrorues

Riflessione su Come e perché di Davide Lajolo

di: Giuseppe Virciglio (Gilli)

Una recente lettura del testo mi ha portato ad una riflessione che volentieri condivido.

Intanto sicuramente delle cinque (più una) “W” di guida per il giornalista scrittore, in connubio de “il come e il perché” saranno state di maggiore implicazione del tormento esistenziale, di non facile esplicitazione del rapporto tra passato/presente/futuro, di difficile correlazione tra l’anima politica (presente/futuro del mondo operaio) e l’anima antropologica (passato del mondo contadino).

La guida superiore della riflessione narrativa di Lajolo è preconizzata nel “Come in stretta connessione con il Perché”.

Nello scrivere questo libro, Lajolo allora cinquantenne, affronta uno snodo di vita ed un travaglio esistenziale cercando di capire il rapporto tra la cultura delle origini del suo mondo contadino e la cultura politica sullo sfondo delle mondo operario e nello specifico intorno al ruolo del Partito Comunista Italiano, come organismo fondante e garante del processo di emancipazione e tutela delle classi subalterne.

Le domande del Come e del Perché, sembrano attraversare il chiedersi intorno “al modo e alla causa”, sia verso gli episodi narrati che rappresentano le “tragedie” del mondo contadino (o comunque anche dell’umanità) correlate ai traumi e alle violenze nelle interazioni, sia rispetto “al modo e al perché” nell’organizzare la lotta per diritti della classe operaia, ma ritengo, anche se non ancora esplicitamente rappresentato nella coscienza dell’autore, soprattutto “al come e al perché” nel riuscire a cogliere punti di conciliazione tra il mondo contadino, il modo operario, la borghesia, tra la dimensione del dramma individuale (incastonato nelle storie della stalla) e della travagliata speranza collettiva della lotta (intarsiato nella corrispondenza con il collega giornalista Costa) per il progresso dell’umanità.

“Come e perché”, non possono che diventare un “metodo” personale e politico, un sollecitare il pensiero per trovare soluzioni individuali, gruppali ed istituzionali, forse purtroppo soluzioni non definitive ma per fortuna “soluzioni in progress”.

Grazie Ulisse per questa esplorazione nella terra del dubbio.


Febbraio 2020

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.