ULISSE SULLE COLLINE

Poesia, natura, musica, arte

XXVI edizione

Sabato 25 maggio 2019 - ore 15

Vinchio

itenfrdeptrorues

La macchina del vento

di: Wu Ming 1

“Poche decine di chilometri al largo della costa tirrenica, tra Lazio e Campania, c’è un rado arcipelago di isolotti, sputati da un vulcano quando Zeus era ancora in fasce. Sono le isole Ponziane: Ponza, Palmarola, Zannone, Gavi, Santo Stefano e Ventotene.
Giacomo approdò a Ventotene nella tarda mattinata di un martedì. Era il 14 novembre del ’39, giornata torva, di cielo pesante.
Il porto dell’isola era troppo piccolo e il piroscafo non poteva entrarci, così gettava l’ancora poco prima e le scialuppe facevano la spola sbarcando, nell’ordine, passeggeri, guardie, confinati e mercanzie. Fu appunto dalla barca che Giacomo li vide: dietro un muricciolo che sovrastava il porto, decine di fazzoletti salutavano i nuovi arrivati. Lo facevamo sempre, dalla piazzetta là in alto si aveva il tempo di aguzzare la vista, osservare chi arrivava, a volte riconoscere qualcuno.” Comincia così l’ultimo libro di Wu Ming 1 La macchina del vento, che racconta la vita degli antifascisti, anche illustri come Pertini e Terracini, e molti altri anarchici, socialisti, comunisti, giellisti, confinati a Ventotene durante la dittatura. E’ un libro che incrocia il racconto storico con riferimenti mitologici affascinanti e il rimando al libro “La macchina del tempo” di Wells, pubblicato nel 1895. La storia è quella di Erminio Squarazanti, che incontra appunto Giacomo Pontecorboli, che fa riferimento alla sparizione del fisico Ettore Mayorana e che conduce una sua ricerca scientifica sul tempo, prendendo come riferimento l’orologio dell’isola di Ventotene, isola battuta dai venti di Eolo, che precorre il tempo. Pertini, dopo la sconfitta fascista nella guerra di Grecia, dice ai suoi compagni: “Qui vediamo il futuro, mentre nel resto dell’Italia non ne hanno la minima idea! E allora chi sono i veri isolati, chi sono i veri prigionieri del loro tempo? Pensateci la vera macchina del tempo è quest’isola, questa comunità di reietti”.

Un libro coinvolgente e interessante, che dimostra come il mito greco avesse già spiegato tutto della storia dell’uomo passata, presente e futura. Interessanti anche i “Titoli di coda”, che spiegano il percorso bibliografico e creativo dello scrittore.

Wu Ming 1, la macchina del vento, Einaudi, € 18.

 

 


© 2018-2019 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.