itenfrdeptrorues

Incarnazioni dell'odio. Razzismi, sessismi, crudeltà quotidiane

di: A cura di Maria Laura Tkach

La psicoanalisi ci insegna che l’odio è una passione ineliminabile dall’esperienza umana, inestricabilmente legata all’amore, tanto da far coniare a Jacques Lacan il neologismo hainamoration (“odioamoramento”). Tuttavia, se l’odio non è assunto come ciò che anzitutto riguarda la dimensione di estraneità che abita ciascun essere parlante, rendendolo non trasparente a se stesso, non potrà che riversarsi sull’altro, manifestandosi nella forma dell’intolleranza, del razzismo, dell’espulsione di ciò che appare come non conforme. L’impoverirsi della dimensione della parola, che fonda il legame sociale, lascia sempre meno spazio alla possibilità di trattare le differenze e le divergenze sul piano simbolico.

L’insulto, l’azione violenta, la segregazione fisica o sociale, il tecnicismo che riduce gli umani a numeri da contabilizzare e gestire, divengono risposte di fronte all’insopportabile che l’incontro con l’alterità porta con sé. È attraverso la parola e la conversazione che si possono contrastare le diverse derive dell’odio, mantenendo viva un’interrogazione, senza cancellare un sapere inventivo, una parola poetica.

Interventi di: Marco Aime, Stefano Avedano, Linda Bisello, Marco Bobbio, Maria Bolgiani, Silvia Casassa, Nicola Chiello, Bianca Chiesa, Massimo Cuono, Giampaolo D’Errico, Norma De Piccoli, Alessandra Fontana, Giulio Fornero, Enrico Guglielminetti, Rosa Elena Manzetti, Mauro Melluso, Viviana Monti, Silvia Nugara, Davide Pegoraro, Pietro Peyretti, Rosanna Tremante.


AA.VV Incarnazioni d’odio, Seb 27, € 15

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.