itenfrdeptrorues

Una città all'aperto

di: Laurana Lajolo

Le recenti agevolazioni per l’ampliamento degli spazi all’aperto di bar e ristoranti cambieranno le strade e le piazze di Asti. I dehors, però, vengono necessariamente a limitare lo spazio pubblico per i pedoni compressi dalla morsa delle auto, che nelle vie medioevali del centro sembrano ancora più invadenti.

Si potrebbe ampliare l’isola pedonale fino a comprendere altre vie del centro, allentando il traffico cittadino. Facciamo la scelta coraggiosa di immaginare per l’estate una città che vive all’aperto tra palazzi d’epoca e scorci interessanti, che possono essere fruiti e “scoperti” da turisti e da abitanti, che, muovendosi in macchina, non si soffermano sulle oasi di alberi e i particolari storici dell’ambiente urbano, ricco degli stili dal Medio Evo al liberty dell’inizio ‘900. L’illustrazione grafica del percorso culturale qui rappresentata è interessante anche per il turista.

percorsi Asti

L’itinerario nel centro storico può essere corredato da una app per smartphone con le informazioni di accessibilità, le offerte delle strutture commerciali e di ristorazione, la segnalazione di musei, di chiese, di eventi. Tale servizio su un sito web farebbe giungere informazioni aggiornate all’utente e potrebbe interessare gli stessi operatori commerciali.

Prestando nuova attenzione al centro storico è prevedibile che anche le vetrine dei negozi vuoti del centro riprendano vita di luci e di esposizione.
Si avrebbe un grande beneficio della qualità dell’aria e anche per la socialità che va ricostruita, dopo la pandemia, in ambienti accoglienti.

Finalmente si valorizzerebbe il nostro centro storico, riqualificato molti anni fa, che in Piemonte è secondo per estensione e qualità soltanto a quello di Torino.

Tags: ambiente, città, turismo, mobilità sostenibile, commercio, Laboratorio città

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.