itenfrdeptrorues

Per una città solidale e più green. Intervista a Maurizio Rasero Sindaco di Asti

di: Maurizio Rasero, Sindaco di Asti

Intervista di Laurana Lajolo.

La pandemia ha provocato un ulteriore aggravamento della situazione economica e sociale della città. Quali sono i provvedimenti di intervento del Comune?

I primi provvedimenti assunti dall’Amministrazione Comunale hanno riguardato la gestione dell’emergenza alimentare con iniziative solidali come “Dona  la spesa” nata dalla collaborazione tra l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Asti e l’Associazione Dono del Volo, la Caritas, la Croce Rossa, la Pastorale Giovanile, la San Vincenzo e il Banco Alimentare. Hanno prestato anche il loro prezioso contributo la Protezione Civile e l’Associazione Asso-Albania. Questo intervento immediato ha consentito da subito di sostenere le famiglie più bisognose prima ancora che venissero stanziati dal Governo i fondi destinati all’emergenza alimentare. La raccolta fondi ha consentito l’acquisto di pacchi spesa contenenti beni di prima necessità che, grazie al supporto del prof. Calabrese, hanno fornito, tra l’altro, il giusto apporto nutrizionale per aumentare le difese immunitarie e produrre più anticorpi per contrastare l’eventuale infezione da coronavirus.

Inoltre, a sostegno della liquidità delle famiglie, il Comune di Asti è stato il primo in Piemonte a sottoscrivere l’accordo per l’anticipo degli strumenti di sostegno al reddito per le lavoratrici ed i lavoratori della Provincia di Asti con le istituzioni del territorio, le associazioni di categoria, le organizzazioni sindacali, la Banca CRAsti. Tale accordo prevede un’anticipazione dei trattamenti di integrazione al reddito previsti dall’accordo ABI, come disciplinati dal decreto legge “Cura Italia” rispetto al momento di pagamento dell’INPS. La Cassa di Risparmio di Asti che ha concesso tale anticipo ai clienti del gruppo già titolari di conto corrente ordinario operativo, inoltre, in accordo con i sottoscrittori, vista la finalità e la valenza sociale dell’iniziativa, non ha addebitato costi per oneri o interessi ai beneficiari dell’anticipazione, fatti salvi eventuali oneri addebitati in qualità di sostituto d’imposta.

Sono state inoltre adottate le seguenti iniziative:

  • NOI CI SIAMO ..... (supporto psicologico) con l’Associazione Mani Colorate e il Consultorio Francesca Baggio del CIF (Centro Italiano Femminile)
  • Mantieni Tu le distanze con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti e l’APRI
  • PER UN BUON VICINATO (il Tuo vicino è in difficoltà????telefona....) con gli Amministratori di Condominio
  • AIUTA Medici, Infermieri e operatori sanitari (ospitalità in albergo) con Asl, Dono del volo, Alpini, Associazione Albergatori e Ristoratori
  • ATTENTA alle indicazioni sanitarie - Messaggio per gli stranieri nelle varie lingue con l’Associazione Migrantes
  • Per famiglie unite e connesse con la Consigliera di Parità e la Provincia di Asti
  • Contrasto all’usura con la Fondazione la Scialuppa della CRTO

Le cancellazioni di manifestazioni e eventi pregiudicano anche l’inziale sviluppo turistico della città. Come promuovere allora il patrimonio culturale, monumentale e paesaggistico?

Il coronavirus ha improvvisamente : dalle mostre agli spettacoli musicali, alle esposizioni, agli eventi culturali di ampio respiro. Da un giorno all’altro ci è stato vietato l’accesso a: collezioni dei beni culturali, a luoghi di culto, biblioteche, archivi, musei, scuole, università, luoghi di riunione delle associazioni culturali, ecc. Ovunque è risuonato l’imperativo #Iorestoacasa.

In poche settimane quindi l’emergenza ha “bruciato” il lavoro fatto sinora anche sotto il profilo della programmazione e della promozione; è indubbio che sarà difficile ripartire, ma valorizzando le sinergie messe in atto con l’ATL, la Fondazione Asti Musei, le associazioni culturali e tutte le altre realtà interessate allo sviluppo di questo settore in ogni sua forma, la città potrà riproporre anche sotto il profilo culturale un programma che ne sappia valorizzare il patrimonio storico, paesaggistico e monumentale.

L’amministrazione pensa di coordinare le proposte di ripresa e di innovazione nella progettazione che provengono da associazioni e da operatori di diversi settori per progettare lo sviluppo di una città sostenibile?

L’Amministrazione Comunale sin dal suo insediamento, grazie alla convocazione di differenti tavoli di lavoro, si è confrontata con le associazioni di categoria, gli operatori di settori e tutti i cittadini che hanno voluto fornire spunti e proposte per progettare lo sviluppo della città. Degli esiti e dei contributi di idee tecnicamente realizzabili forniti durante i sopra citati incontri, si è tenuto conto nell’elaborazione del PGUT la cui imminente l’approvazione porterà ad un aumento della ZTL, della zona pedonale e alla realizzazione di piste ciclabili. Appare evidente che le scelte effettuate dall’Amministrazione vanno verso una città sempre più green, ecosostenibile e a misura d’uomo.

A sostegno di questa tendenza a favore di una città sostenibile che guarda non solo ad uno sviluppo urbano smart, ma tiene anche conto dei cambiamenti climatici, si sta provvedendo al posizionamento delle colonnine elettriche mirate a facilitare una mobilità più eco.

Tags: economia, cultura, turismo, tutela ambiente, Laboratorio città

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.