itenfrdeptrorues

17 ottobre 2020 - "I servizi per lo sviluppo sociale ed economico dei paesi"

di: Laurana Lajolo

Nel primo incontro del Festival del paesaggio agrario “Ri-leggere e ri-abitare il paesaggio” a cura dell’Ordine degli architetti P.P.C. della provincia di Asti, svoltosi il 9 ottobre, si è avviato il ragionamento sulla partecipazione delle comunità alla progettazione e alla gestione del territorio inteso come bene comune. Il secondo incontro del 17 ottobre alle ore 15.30 nel salone della Provincia di Asti p.za Alfieri, programmato in collaborazione con l’Amministrazione provinciale, sul temaI servizi per lo sviluppo sociale ed economico dei paesi”, proporrà il ruolo e le criticità dei piccoli comuni monferrini, che caratterizzano il patrimonio dell’Umanità UNESCO e compongono con i vigneti l’armonia del paesaggio agrario. Il sottotitolo del Festival riprende, infatti, una frase di Cesare Pavese “Un paese ci vuole per non essere soli”.

Riqualificare il tessuto socioeconomico delle aree rurali favorendo il lavoro dei giovani, la bio-economia e l’inclusione sociale significa anche tutelare l’ambiente e mitigare i cambiamenti climatici.

Alla tavola rotonda parteciperanno il presidente della Provincia di Asti Paolo Lanfranco, il presidente della Provincia di Alessandria Gianfranco Lorenzo Baldi, il sindaco di Baldichieri Gianluca Forno, vicepresidente Anci Piemonte per i piccoli Comuni, il presidente dell’Associazione Paesaggi vitivinicoli Gianfranco Comaschi, che è anche segretario generale del Comune di Acqui Terme con una lunga esperienza istituzionale, il direttore dell’Associazione Paesaggi Vitivinicoli Roberto Cerrato.  L’arch. Augusta Mazzarolli, urbanista, che si è occupata della pianificazione del retro-porto di Genova, parlerà del Monferrato crocevia delle comunicazioni tra le metropoli del nord Italia e il Nord Europa. Marco Bussone, presidente nazionale dell’Unione delle comunità montane, cura in particolare del recupero dei borghi alpini abbandonati. Il prof. Vicenzo Gerbi dell’Università di Torino si occupa da molti anni del funzionamento e dell’approvvigionamento dell’acquedotto di Cantarana che fornisce l’acqua anche al capoluogo. Coordinano la tavola rotonda il giornalista Beppe Rovera e Laurana Lajolo.

In apertura sarà proiettato il video “Davide Lajolo Vinchio è il mio nido”.  

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.