itenfrdeptrorues

Agopunture per il malato-città

di: Marco Pesce, architetto

Aspettando Godot.

Anno 2014

L’Ordine degli Architetti astigiano presenta il bando ARCHITETTURE SOTTILI, chiamando a raccolta i giovani progettisti locali e chiedendo loro di ripensare alcuni ambiti urbani non strategici della città. Rispondono alla call 45 architetti under 40 astigiani.

L’idea è quella di provare ad immaginare nuove occasioni di centralità per luoghi al momento privi di particolari funzioni, o con funzioni in parte da riconfigurare, e definire un nuovo approccio progettuale per gli spazi urbani.

Gli ambiti di studio individuati rappresentano emblemi di criticità presenti nella realtà urbana astigiana ma, al contempo, appaiono anche custodi di positività inespresse: si intravvedono potenzialità che, adeguatamente stimolate, potrebbero essere in grado di trasmettere i benefici al proprio intorno, sprigionare energia creativa ed indurre un positivo effetto a catena nelle zone limitrofe.

Anno 2015

Dopo mesi di attività serrata i gruppi completano il proprio lavoro: al progetto collaborano, in qualità di tutor, professionisti di fama internazionale quali Mario Cucinella, Alessandro Melis, Gonçalo Byrne, João Nunes. In città si discute delle "agopunture urbane", interventi leggeri, puntuali e a basso costo in grado di curare il degrado e migliorare il paesaggio urbano.

I criteri che guidano i vari progetti sono il budget ridotto per la loro realizzazione, la temporaneità e/o i bassi costi di manutenzione, la ricerca di soluzioni progettuali aperte e flessibili, il coinvolgimento della popolazione, l’aumento della superficie permeabile, la limitazione delle isole di calore, il miglioramento dell’accessibilità dei luoghi, l’aumento della pedonalizzazione delle aree urbane.

A maggio i 16 progetti vengono presentati alla città in diversi eventi ed infine vengono formalmente consegnati all’Amministrazione comunale. Il progetto ARCHITETTURE SOTTILI viene presentato alla Biennale dello Spazio Pubblico di Roma come esempio di approccio innovativo per gli interventi bottom-up in ambito urbano.

Anno 2016

A maggio i 16 progetti vengono (di nuovo) formalmente consegnati all’Amministrazione comunale in occasione dell’evento finale della rassegna triennale A.S.T.I. FEST, alla sua seconda edizione.

Anno 2020

Numero di Architetture Sottili realizzate in città al momento della redazione del presente testo: zero. Stiamo ancora aspettando Godot…

In questo periodo post lockdown città e comunità urbane in tutto il mondo stanno ripensando sé stesse, si stanno evolvendo cercando di migliorare la propria resilienza ovvero la capacità di tornare in equilibrio dopo una perturbazione, sia essa di natura climatica, economica, sociale, sanitaria.

Anche Asti si sta facendo delle domande, ma purtroppo sono sempre le stesse, da decenni: cosa mettiamo dentro i contenitori vuoti della città? Grande distribuzione organizzata o centro commerciale naturale? Nuovi parcheggi in centro o implementazione della mobilità sostenibile? Che fare nell’area della ex Way-Assauto?

Domande più che lecite, certo, ma che denunciano la mancanza di un approccio organico, sistemico, globale: la città è fatta di reti in perenne interazione tra loro, e senza una visione STRATEGICA del suo futuro le soluzioni saranno immancabilmente parziali, inadeguate, se non addirittura antitetiche tra loro, come spesso accaduto in passato.

Per rendere una città più vivibile è certamente necessario occuparsi delle sue aree emergenti, ma non basta: occorre anche pensare alla città “altra”, al tessuto connettivo tra gli spazi e gli edifici più importanti.

Sono i LUOGHI COMUNI, nella doppia accezione di “luoghi non emergenti” e “luoghi della comunità”: ambiti che vanno PROGETTATI, ma che non necessariamente devono essere COSTRUITI. Una città è fatta anche (e soprattutto) di vuoti, di luoghi nei quali lo sguardo e la mente di chi la abita possa rallentare, rilassarsi, spaziare.

Progettare la città non è solo riprodurre ambienti che rappresentino l’immagine dell’ordine attuale ma, al contrario, è proporre cosa essa dovrebbe e potrebbe essere in futuro.

Nei mesi di riposo forzato causa Covid-19 sono certo che molti di noi abbiano sognato di vivere in una città più verde, più accessibile, più connessa, più a misura delle utenze fragili, anche perché forse per la prima volta ci siamo sentiti tutti, indistintamente, quelli fragili.

Le ARCHITETTURE SOTTILI non avevano (e non hanno) le caratteristiche di progetti estemporanei, e a mio avviso si rivelano ancora oggi decisamente attuali poiché derivate dall’osservazione dei luoghi, dall’analisi del contesto e soprattutto dal confronto con i residenti.

Interventi leggeri, che però sottendono un progetto complessivo, un’idea di città: piccole operazioni di ridisegno dello spazio pubblico in grado di creare anticorpi al virus del l’abbandono e del degrado per il malato-città.

Tags: architettura, mobilità sostenibile, Laboratorio città

Architetture sottili - 16 progetti per la città di Asti

Gruppo 01 - Piazza Nostra Signora di Lourdes

La zona di progetto, piazza Nostra Signora di Lourdes, è situata nella periferia nord-ovest della città di Asti. Mentre il piazzale ora appare soltanto come un parcheggio in periferia, è stato il fulcro intorno al quale si è sviluppato ed è cresciuto l’intero…

Gruppo 02 - Corso Casale: ingresso città

Il progetto di risistemazione dell'area parte da una complessa analisi urbana che tiene conto di interviste sul luogo e studio dei principali caratteri autoctoni. L'obiettivo non è soltanto quello di attrarre fruitori dall'esterno, ma soprattutto sopperire…

Gruppo 03 - Corso Alessandria: area verde fronte COOP

L’area di intervento è posta ad est della città, in fronte al centro commerciale COOP di corso Alessandria. L'ambito si inserisce in un contesto fortemente urbanizzato, con la vicinanza di diversi esercizi commerciali (Penny-Market, filiale C.R.Asti ecc…)…

Gruppo 06 - Piazza Leonardo da Vinci

L’idea progettuale nasce da un’analisi del contesto allargato rispetto all’area di intervento, al fine di trovare connessioni con il costruito e gli spazi pubblici esistenti quali il polo fieristico ex-Enofila, il Movicentro e le stazioni (treno e pullman).…

Gruppo 07 - Parcheggio sotto cavalcavia Giolitti

L'area verde Joselito, àmbito oggetto di intervento, si presenta attualmente come un parcheggio veicolare prevalentemente utilizzato dai lavoratori dipendenti delle attività produttive limitrofe, ed è dotata di due ampie aiuole centrali. L'intervento ha come…

Gruppo 08 - Zona ex torre littoria

L’area dell'ex torre littoria si presenta come uno sproporzionato spartitraffico attorno al quale si svincola il flusso veicolare cittadino, creando degli “sfridi urbani” di forma triangolare usati come parcheggi. Seppur collocata in una posizione centrale…

Gruppo 09 - Area Scirè

L’area assegnata è situata nell’immediata periferia del centro storico. Originariamente destinata all’edificazione, risulta oggi trascurata lasciando trasparire la propria origine di "spazio residuale". In relazione a tale residualità ed al relativo cambio di…

Gruppo 10 - Zona Movicentro: piazza Medaglie d’Oro

Nei diversi sopralluoghi effettuati ci siamo resi conto di essere di fronte ad un luogo con un grande potenziale, uno spazio fortemente urbano, fatto di relazioni, di movimento e di persone. Questo vuoto della città parla di un’energia inespressa, di un…

Gruppo 11 - Piazza Primo Maggio

Il progetto si definisce in Piazza Primo Maggio, zona est della città di Asti e storica porta d’accesso orientale alla cittadina. L’area, oggi molto trafficata, si presenta nelle ore di punta decisamente confusionaria e caratterizzata di un insieme molto…

Gruppo 14 - Quartiere Praia: Via Cesare Pavese

L’area è inserita all’interno di una cortina di edifici di edilizia economica popolare nel quartiere Praia, nel quadrante nord-est della città. Sono presenti tre destinazioni d’uso distinte: area verde, area gioco bimbi e area parcheggio/mercatale. Per…

Gruppo 15 - Parco Boschetto dei Partigiani: zona giochi

Il Bosco dei Partigiani è situato nella zona nord di Asti ed è delimitato dalle antiche mura e da una recinzione perimetrale che corre lungo Viale Partigiani, Piazza Vittorio Veneto e Via del Bosco. Dalle analisi iniziali l’area risultava molto chiusa e poco…

Gruppo 16 - Piazza Cagni

L’area di intervento è situata a sud-ovest della città, ai limiti del centro storico. Il sito comprende gli spazi delimitati da Piazzetta Montafia, Via Sella e Piazza Cagni. Sulle due piazze si affacciano edifici scolastici: l’Istituto Monti e la relativa…

 


© 2018-2020 ADL culture On-line

Autorizzazione del Tribunale di Asti n. 4/2018

logoADL
Associazione Davide Lajolo onlus - via Alta Luparia, 5 - 14040 Vinchio (AT) - P.IVA. 91006490055


Contattaci: redazione@adlculture.it

 

adlculture.it rimane a disposizione dei titolari di copyright che non è riuscita a raggiungere.